Può l’obesità rimodellare il nostro senso del gusto?

da Giu 6, 2018Archivio articoli

Può l’obesità rimodellare il nostro senso del gusto?

L’obesità può alterare, a livello profondo, il nostro modo di percepire i gusti. 
Ciò è quanto è emerso da uno studio pubblicato su PLoS ONE da ricercatori dell’Università di Buffalo.
Qui, in particolare, è stato messo in evidenza che topi fortemente in sovrappeso dimostrano compromessa la capacità di percepire il gusto dolce.
In effetti, rispetto ai roditori magri, quelli “paffuti” presentavano una riduzione del numero delle cellule gustative rispondenti agli stimoli dolci. Oltre a ciò, le cellule che pur reagivano dimostravano una funzionalità mediamente ridotta.
I risultati descritti gettano le basi di un nuovo “mistero nutrizionale”: l’obesità è quindi in grado di produrre vere e proprie alterazioni nella percezione dei gusti?
Sembrerebbe proprio di si.
Studi precedenti avevano già dimostrato che l’obesità sia in grado di indurre alterazioni cerebrali e della funzionalità del sistema nervoso periferico. Ma questo specifico lavoro suggerisce che questa condizione di eccesso ponderale sia in grado di alterare la fisiologia delle papille gustative.
Questi dati appaiono molto importanti perchè  il gusto gioca un ruolo importante nella regolazione dell’appetito influenzando cosa e quanto mangiamo.
Quale sia la relazione tra incremento ponderale e scarsa capacità di percepire il gusto dolce non è oggi chiara.
Una ipotesi sicuramente interessante è che il deficit nella percezione del gusto dolce potrebbe essere una causa favorente l’obesità attraverso una maggior tendenza di assumere cibi da parte dei soggetti con queste disfunzioni.
Comprendere questi aspetti e trovare le strategie per riportare alla normalità la funzione gustativa potrebbe risultare fondamentale per contribuire a gettare le basi per una buona alimentazione.
Dal punto di vista operativo, nella sperimentazione è stato realizzato un confronto tra 25 topi normali e 25, della stessa nidiata, resi obesi attraverso una dieta iperlipidica.
Per misurare la risposta degli animali dai diversi gusti, il team di ricerca ha messo in campo un processo chiamato “segnalazione del calcio”.
Quando le cellule “riconoscono” un certo gusto, manifestano un aumento temporaneo dei livelli di calcio intracellulare.
Gli scienziati, hanno provveduto a misurare tali modifiche.
I risultati suggeriscono che le cellule gustative dei topi obesi rispondono più debolmente sia al dolce quanto all’amaro.
Nessuna differenza veniva registrata riguardo al gusto Umami (gusto associato a sapori dolci e carnosi).
  

Prof. Giacomo Pagliaro PhD

Hai bisogno di me?... sono qui per aiutarti!

Giacomo Pagliaro

Sono il Prof. Giacomo Pagliaro
PhD Biologo specialista in nutrizione clinica e applicata.

Amo la mia professione e amo trasmettere le mie conoscenze agli altri…
Ho deciso di creare dieta-nutrizione per essere con te ogni giorno e darti delle chicche sul mondo della salute e della nutrizione.

Contattaci

contatti

Via Lugano, 16
6945 – Origlio – Svizzera
tel. +41(0)798997526

ITALIA:

Abruzzo
tel. 366.1661419
Emilia Romagna
Piemonte
tel. 340.3586481

Contattaci al numero di riferimento della regione che ti interessa
dal lunedì al venerdì
dalle ore 9.00 alle ore 13.00
dalle ore 15.00 alle ore 19.00

Se non ti rispondiamo subito, ti ricontattiamo!

SOCIAL

Share This